Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Campania)
 
«Panorama», il suono della creatività - 30/10/2007

Parte oggi il festival dedicato alle arti visive e sonore

Fra i festival nati in Campania, mancava una rassegna di arti elettroniche, visive e sonore. Da qui l’idea di «Panorama Festival», ovvero «The sound of imagination», che si svolgerà per due giorni nei padiglioni 5 e 6 della Mostra d’Oltremare, dove, dalle 20 di stasera e fino alle 3 di notte di domani, la faranno da padrone atmosfere e innovazioni tecnologiche, miscelate in un unico linguaggio. Sarà una festa dei suoni del terzo millennio, con i set di oltre trenta «elettro-profeti» che daranno vita a nuove e vecchie sperimentazioni. Produttori, dj e soprattutto, vj, ovvero video-jay, famosi in Italia e all’estero, daranno vita insieme a un laboratorio che fonderà ascolto e immagini, in un’unica atmosfera polisensoriale. Il collettivo Ascoltivisivi, che riunisce videoartisti e multimedia-performers napoletani, ha organizzato questo doppio incontro con workshop, showcases ed installazioni permanenti, per diffondere ulteriormente la cultura audiovisuale all’ombra del Vesuvio. Stasera si partirà con uno dei dj produttori attualmente più noti al mondo, Jeroen Hofs, in arte Eboman, olandese considerato, sin dagli anni ‘80, il guru dei remix e dei campionamenti. A seguire anche band come i Filocalia, maestri del dub partenopeo, o gli Otolab, collettivo milanese fra i più promettenti nel panorama della Vj art. C’è molta attesa anche per il «Naples techno guru», Danilo Vigorito, che nel corso della sua esibizione ospiterà Meg, l’ex cantante dei 99 Posse. Quest’ultima presenterà il suo nuovo progetto, «Antidoto», registrato alla Waveform Studio, prodotto insieme a Stefano Fontana aka Stylofonic e masterizzato allo Sterling di New York. È un album in cui dialogano i due aspetti della vena artistica di Meg, quello intimista e quello più estroverso. E domani si proseguirà con Sven Vath e Steve Bug, rispettivamente dj musicista e produttore discografico tedesco, pioniere della cosiddetta «trance music» ed accattivante dj di Brema. Entrambi, sia Vath che Bug, produttori discografici, il primo con l’etichetta Cocoon Recordings, il secondo con la Row Elements, nel 1996 e poi con la Dessous e la Poker Flat. Che per l’occasione gestirà un intero padiglione in cui oltre all’attesa performance di Bug, presenterà anche altri gioielli di «scuderia » come Argy, Patrick Chardonnet e Berkson & James What Live. Ancora nella serata finale un altra sorpresa, quella di Lucio Aquilina e Massi DL, per la prima volta insieme. «Panorama Festival — spiega l’art director della manifestazione Luca Piccolo—ha le carte in regola per diventare manifestazione di riferimento per l’elettronica creativa in Italia e in Europa». Infine, gli allestimenti del set di Claudio Sinatti, realizzato su pareti di schermi televisivi, sono a cura degli studenti dell’ Accademia delle Belle Arti di Napoli, coordinati da Adriana De Manes.

Stefano de Stefano
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale