Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Prima pagina (Puglia)
 
Maltempo, un morto a Foggia - 28/10/2007

E’ un anziano caduto nella vasca d’irrigazione. Allagamenti a Bari

FOGGIA - Ancora una giornata, quella di ieri, all’insegna dell’emergenza maltempo in provincia di Foggia dopo il violento nubifragio che ha colpito gran parte della Capitanata. Una giornata che purtroppo ha registrato anche la morte di un anziano, affogato in un vascone per l’irrigazione dei campi, dopo essere scivolato a causa del terreno fangoso provocato dal violento acquazzone della notte. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Cerignola l’uomo, Matteo Lanotte di 92 anni, ieri pomeriggio stava raccogliendo della verdura nell’azienda agricola del figlio, in località Viro Padula, quando è scivolato per il terreno fangoso, finendo nel vascone. Dopo l’allarme di alcuni parenti sul posto sono giunti, oltre ai militari della compagnia del centro ofantino, anche i sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Taranto che hanno recuperato il corpo. Il nubifragio, che si è abbattuto nella notte tra venerdì e sabato, ha creato non poche difficoltà anche alla circolazione e in particolare sulla statale 17, la Foggia Campobasso, nel tratto tra Volturara Appula e Volturino, dove fino alla tarda serata di ieri si circolava soltanto in un tratto unico alternato a causa di una frana, a ridosso della galleria in località Passo di Lupo, e che ha bloccato, per alcune ore, la notte scorsa anche un autoarticolato. Circolazione difficile anche sulla comunale che collega il centro abitato di Volturino e Motta Montecorvino, a causa del cedimento di una parte di un ponte in località «Toppo del Mulino» e di un altro cedimento di un ponte alla periferia di Volturino, in località Selvapiana. In entrambe le strade si circola ancora in un unico senso alternato. Ma l’acqua ha creato difficoltà in quasi tutta la provincia di Foggia anche se i maggiori danni sono stati registrati nelle località del subappennino Dauno e nelle campagne: a Volturino i vigili del fuoco hanno tratto in salvo due anziani che vivono in un casolare di campagna, completamente allagato. Allagamenti segnalati anche in abitazioni e box a Lucera e San Severo dove per tutta la giornata gli uomini del 115 sono intervenuti anche per richieste di controlli di tetti pericolanti. La situazione più critica è stata registrata nei piccoli centro dei Monti Dauni e dove i vigili del fuoco hanno lavorato con idrovore per liberare i locali invasi dall’acqua piovana e da quella dei corsi d’acqua straripati. Difficili anche i collegamenti tra Alberona, Roseto Valfortore e Biccari dove sulle strade provinciali e comunali si procedeva a passo d’uomo a causa del fango e dei detriti riversati sulle carreggiate dalla potenza della pioggia. Stesse difficoltà registrate dagli automobilisti anche alla periferia di Pietra Montecorvino e di Rocchetta Sant’Antonio e dove, per diverse ore, hanno lavorato gli uomini dell’Anas per ripulire le strade. Allagati anche numerosi terreni di uliveto, così come ingenti sono stati i danni causati a numerose coltivazioni di ortaggi, completamente distrutti. Una situazione che aggrava l’agricoltura in Capitanata dopo che, nei giorni scorsi, la pioggia aveva creato problemi e danni dall’altra parte della provincia, sul Gargano.

Luca Pernice
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale