Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Puglia)
 
La stagione della Camerata s’inaugura con Uto Ughi - 26/10/2007

Appuntamento questa sera a Bari con il grande virtuoso dell’archetto

BARI - Chi, come Uto Ughi, ha provato l’ebbrezza di suonare al Petruzzelli coltiva sempre il sogno di tornare a esibirsi nel glorioso politeama, che per tanto tempo è stato il contenitore di riferimento di molte associazioni baresi. Lo è stato anche per la Camerata Musicale, tra i più longevi sodalizi della città. Del resto stasera inaugurerà la 66esima stagione concertistica. E non è un caso che abbia scelto di ripartire affidandosi allo straordinario talento del celebre violinista, più volte ospitato in anni passati. Perché questa potrebbe anche essere l’ultima stagione lontano dal Petruzzelli, dove Ughi ha già espresso il desiderio di rendersi protagonista in un futuro molto prossimo proprio per l’associazione guidata dal direttore artistico Giovanni Antonioni. Intanto incombe il presente, che per il maestro di Busto Arsizio stasera si consumerà dalle ore 21 con un programma dedicato a Gaetano Pugnani, noto soprattutto per le sue composizioni per violino rielaborate da Kleiser, e poi a Beethoven, Ravel e al polacco Wieniawski, grande virtuoso dell’archetto. Ma il presente è anche domani. In mattinata (ore 10) il maestro incontrerà nell’auditorium del Conservatorio «Piccinni» la stampa e i giovani musicisti dell’istituto barese. Certo, sarà imbarazzante ripetere in una struttura ormai ferma da troppo tempo la pessimistica profezia annunciata qualche settimana fa. E cioè che «tra quindici anni le sale da concerto saranno tutte chiuse». L’inagibilità dell’auditorium Nino Rota in tutti questi anni ha costretto molti a e m i g r a r e i n strutture poco adatte alla musica. E, tutto sommato, rimane un palliativo anche l’utilizzo del funzionale (ma dislocato) auditorium della Guardia di Finanza, dove Ughi suonerà in coppia con il pianista Alessandro Specchi. Qui si terranno altri due appuntamenti del cartellone: i concerti jazz di Enrico Rava in duo con Stefano Bollani e accanto a Gino Paoli. E una soluzione tampone, in mancanza di spazi consoni, rimane anche il cineteatro Nuovo Palazzo, dove si potranno ascoltare la pianista russa Lilya Zilberstein (al suo primo concerto barese), il pianista salentino di fama internazionale Francesco Libetta, la star del violino Sergej Krylov, il quartetto d’archi norvegese Vertavo composto da sole donne, il trio italiano composto dal violista Giuseppe Russo, dal clarinettista Angelo Montanaro e dalla pianista Viviana Velardi e la coppia di chitarristi formata da Agostino Valente e Goran Listes. Nel ventaglio di offerte tra i generi il cartellone propone al Piccinni il Balletto di Roma (prima con Kledi Kadiu, poi con André de la Roche), i pianisti Leonora Armellini, Dmitri Alexeev e Natalia Morozova, il Balletto di Mosca, The Swingle Singers, Raffaele Paganini, la compagnia di operette Corrado Abbati e il Balletto di Torino. Mentre i canti gospel del Visual Ministry Choir risuoneranno allo Sheraton.

Francesco Mazzotta
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale