Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Campania)
 
«Ora polenta ogni 3 settimane» - 28/09/2007

Gigi & Ross a Milano, tra le new-entry di «Zelig»

Tre sorprese napoletane nel cast della nuova edizione di Zelig. Giobbe Covatta, Antonio e Michele e Gigi & Ross. Buon segno per la comicità partenopea. Lo show di Canale 5 (stasera la prima puntata) segna il ritorno di Covatta, che sarà uno dei tre monologhisti della serata, e la consacrazione al pubblico nazionale delle due giovani coppie cabarettistiche. Antonio e Michele, tra i protagonisti in passato di «Telegaribaldi», ma anche dei programmi Rai della banda Guzzanti, sono già molto conosciuti dal pubblico nazionale. Gigi&Ross, invece, hanno appena conquistato l’Italia con la parodia delle Iene A Napoli, in pochi sanno che Luigi Esposito è nato a San Giorgio a Cremano e Rosario Morra è di Fuorigrotta. Appena ritirato il premio delle «Radiogrolle » a Saint Vincent, per il programma «Pelo e Contropelo», condotto da Pippo Pelo su RadioKissKiss, i due comici, cresciuti all’accademia del teatro Bellini, si sono fatti strada a «La Tintoria», «Markette» e «Zelig off», prima di approdare a «Zelig». E ora finalmente sarete apprezzati anche dal pubblico di casa vostra? «Probabilmente sì. A Napoli siamo poco conosciuti perché non abbiamo fatto tv locali. Non è stata una nostra scelta, abbiamo avuto la fortuna di lavorare subito in un network nazionale e di essere notati da Rai- Tre e poi voluti anche da Chiambretti su La7». Siete tra le new entry di Zelig. Emozionati? «Saremo una bella scoperta per tutti. Napoletani e non. Come siete stati accolti a Milano? «Il cabaret milanese ha una scuola antica, ma c’è un grande rispetto per la tradizione napoletana. I milanesi non amano, e noi lo condividiamo, chi ostenta in maniera eccessiva la propria “napoletanità”, anche quando non ce n’è bisogno, solo per far uscire fuori le iconografie classiche partenopee». E’ difficile arrivare a Zelig? «No, abbiamo lavorato molto e la trovata delle Iene ci ha aiutato. In questa prima edizione indosseremo solo abiti scuri e occhiali da sole, l’anno prossimo si vedrà. Intanto al Tamda ottobre ci esibiamo con altri pezzi del repertorio, tornando ad essere anche gli “Assolutamente Zero”. Zelig vi cambierà la vita? «Sì. Mangeremo polenta tre volte a settimana».

Alessandra Barone
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale