Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Prima pagina (Campania)
 
Posillipo, tagliati 150 pini - 02/09/2007

Sta scomparendo un simbolo di Napoli. Malati molti alberi

Al posto dei pini, una sequela di ceppi e di tronchi senza chiome. E' l'immagine che offrono via Boccaccio, via Manzoni, via Tito Lucrezio Caro, via Virgilio, strade che un tempo erano famose proprio per la fitta alberatura. A Posillipo circa 150 alberi sono stati abbattuti perché ammalati. Negli anni nessuno li ha curati e così la cocciniglia e il «cervo volante» hanno portato a termine il loro lavoro. Lungo le strade di Posillipo ora ci sono centocinquanta ceppi e marciapiedi devastati dalle radici degli alberi. Pogli giorni fa gli ultimi tagli. Una scena di degrado in quello che era considerato uno degli angoli più belli del mondo. «Il Comune non solo non li cura, ma non rimpiazza i pini che non ci sono più», denuncia l'ex consigliere comunale Carmine Attanasio, dei Verdiecologista. Ceppi di alberi punteggiano anche i marciapiedi di molte altre zone della città: al Vomero, in via Sanfelice e finanche in Villa Comunale. «Fino ad oggi non c'erano abbastanza soldi per rimuoverli tutti - la replica dell'assessore all'Ambiente di palazzo San Giacomo, Rino Nasti -ma entro un anno, dovrebbe arrivare mezzo mmilione di euro».

Geremicca
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale