Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Campania)
 
Barberio Corsetti e il panino «globale» - 31/08/2007

A Benevento un testo sulla multinazionale degli hamburger

I tempi cambiano e i gusti alimentari anche. Il teatro ne prende atto e si adegua. Se infatti in «Sabato domenica e lunedì» Eduardo lasciava soffriggere in scena il sospirato ragù della festa, Giorgio Barberio Corsetti, uno degli eredi più accreditati della Nuova Spettacolarità italiana nata negli anni ’80, proporrà al pubblico lo sfrigolio degli hamburger sulla classica piastra dei fast food. Si intitolta infatti «La storia di Ronaldo il pagliaccio di McDonald’s» lo spettacolo che stasera alle 20 nel Cortile della Chiesa di Sant’Agostino taglierà i nastri della XXVIII edizione di Benevento Città Spettacolo, la prima diretta da Enzo Moscato. In scena Pietro Tammaro, un giovane e promettente attore napoletano. «L’idea di allestire il testo di Rodrigo Garcia - spiega il regista - è nata grazie a un provino in cui Pietro portò proprio "La storia di Ronaldo". Fu così efficace da suggerirmi uno sviluppo allestitivo a tutto tondo. D’altra parte, lo scoprii solo dopo, l’attore aveva lavorato per anni in un McDonald’s». Di cui lo spettacolo non tesse però le lodi… «No, come in tutte le opere di Garcia c’è una denuncia anche politica della globalizzazione, svolta però con una grande ironia in cui prevale l’amore per il paradosso ». E’ stato difficile acquisirne i diritti? «Garcia scrive per sé i suoi testi e lo fa per scoppiettanti messinscene di gruppo. Per questo si rifiuta di concedere i propri diritti ad altri.Ma la solida amicizia e stima che ci lega (ho coprodotto per Avignone il suo "Diversi gradi di cottura per una salsiccia", dopo aver ospitato a Villa Adriana il suo "Ho comprato una pala da Ikea per scavarmi la fossa") ha reso tutto più facile». La sua è una versione ortodossa? «Non del tutto, uso per i vari inserti un unico attore, con l’aiuto di una serie di video, in cui Tammaro impersona diversi tipi da McDonald’s, clienti e inservienti modello. Poi, ovviamente, si trasforma in Ronaldo che celebra un monologo dell’hamburger, arrivando a minacciare un avvelenamento dell’Happy meal». Lo spettacolo sarà nella stagione del Mercadante, ma parlando di Napoli che pensa del prossimo festival nazionale del teatro? «Ne sono entusiasta e non solo per le mie note origini partenopee. Sono convinto che più rassegne di prestigio si organizzino nel nostro paese più chance ci siano di ammirare teatro internazionale misto a teatro italiano di qualità. E poi una città teatrale come Napoli meritava un riconoscimento così».

Stefano de Stefano
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale