Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Campania)
 
«Negro», note etniche a Pertosa - 23/08/2007

Da stasera nuova edizione del festival nelle grotte

Negro» chiude le rassegne musicali d’agosto. Da stasera fino a domenica 26 l’etno festival di Pertosa (Salerno) ha convocato sullo spettacolare palco ai piedi delle Grotte dell’Angelo una ventina di formazionitra cui la Kocani Orkestar e l’Orchestra di Piazza Vittorio. La novità del festival, che quest’anno è diretto da Dario Zigotto, è la sezione «Antro suono». I concerti che aprono la rassegna saranno ospitati nell’antro delle grotte. Un modo per sfruttare il riverbero naturale delle stesse e «per tornare alla nostre origini - dice Giovanni Imparato - perché le grotte sono stati i primi rifugi dell’umanità. E i tamburi i nostri primi strumenti. Lo spettacolo nelle grotte è come la ricerca delle nostre radici più lontane ». «Una sorta di festival nel festival - spiega il direttore atistico - una laboratorio musicale aperto che lega alle suggestioni del luogo diverse forme musicali con artisti noti per la qualità della loro ricerca ed esplorazione delle diverse possibilità offerte dalla musica popolare del terzo millennio». Dalle ore 21, nelle quattro serate della manifestazione suoneranno Giovanni Imparato, il Mahanada Quartet, Luisa Cottifogli, vocalist dei Quinto Rigo, e chiuderanno Gavino Murgia (voce, sax e launeddas) e Mauro Palmas (mandole emandoloncello). Sul palco nell’area si alterneranno da stasera I lautari, la Kocani Orkestar, i Tambulanti, l’Orchestra di Piazza Vittorio, la paranza d’O Lione. Chiuderà, come tradizione Stefano Miele che creerà delle selezioni tematiche che ripercorreranno la serata. Tra le proposte più interessanti anche uno spazio che è stato affidato a quattro giovani formazioni locali che suoneranno sul palco principale prima dello show. Sono gli Edema, gliAK47, i Desdemona ed i Senza Suono. Di contorno al «Negro» c’è la possibilità di visitare le grotte, ammirare le varie cascate ed i ruscelli della zona, i molti stand organizzati nell’area del festival con artigianato e gastronomia locale e varie iniziative umanitarie. Il festival è organizzato dalla Città di Pertosa, dalla Regione Campania, dalla Provincia di Salerno, dalla Città di Auletta e dalla Fondazione Mida.

Biagio Coscia
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale