Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Puglia)
 
«Cinema del reale» tra Grifi e De Seta - 15/07/2007

Per quattro giorni dal 18 al 21 luglio

Specchia (Lecce) - Le fughe nella realtà costituiscono il tema principale della quarta edizione di «Cinema del Reale», sezione cinematografica del festival delle culture migranti della Provincia di Lecce «Salento Negroamaro», ideata e organizzata da Big Sur. Fughe intese come percorsi di riflessione ed esplorazione, ma anche come tentativi di trovare una possibile via d’uscita al disagio. La prima di queste dislocazioni riguarda proprio la manifestazione che, dopo tre anni a Galatone, migra a Specchia per motivi logistici e organizzativi e sarà ospitata all’interno del Castello Risolo (ingresso gratuito per tutti gli appuntamenti, info 347.104.00.09 e sito internet cinemadelreale.it). Non cambia, però, la formula dell’iniziativa, interamente dedicata a quel cinema «spericolato» che cattura la realtà in tutte le sue espressioni, tenendosi sempre alla larga dalla fiction che si propone invece di rimaneggiarla a piacimento. Per quattro giorni, dal 18 al 21 luglio, questo cinema quasi invisibile farà festa, aprendo i cassetti di archivi familiari privati, esibendo capolavori della documentaristica nazionale, proponendo documenti audiovisivi altrimenti destinati a restare nascosti. GLI OSPITI Come sempre, la festa di «Cinema del Reale» ospita tutti gli autori le cui opere sono inserite nel cartellone della manifestazione: quest’anno è atteso, tra gli altri, Vittorio De Seta, che introdurrà il suo Lettere dal Sahara (giovedì 19, ore 22.15), presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, che racconta l’emigrazione di un giovane studente senegalese ed il suo arrivo in Italia. Gianfranco Mingozzi interviene invece per presentare il suo Li mali mestieri (mercoledì 18, ore 21.15) che in dodici minuti offre una visione appassionata del rapporto tra la precarietà dell’esistenza e il lavoro quotidiano, nella Palermo degli anni Sessanta; Pippo Delbono affida al suo Grido (venerdì, 21.50) la riflessione autobiografica dell’incontro con Bobò, uno dei principali interpreti della sua compagnia, incontrato nel manicomio di Aversa dopo una reclusione durata quarantacinque anni. LE RETROSPETTIVE Sono due i documentaristi cui il «Cinema del Reale» rende quest’anno un omaggio speciale: il primo, Lino Del Fra, autore di numerosi lavori che ha spesso firmato insieme alla moglie, Cecilia Mangini, sarà ricordato con le proiezioni di Fata Morgana e Viaggio in Terra d’Otranto (mercoledì alle 21 e alle 22.45); al secondo, Alberto Grifi, scomparso quest’anno, è dedicata la proiezione di La verifica incerta (giovedì, ore 24), visionario documento che scompone celebri film hollywoodiani e che alla sua uscita, nel 1964, entusiasmòMax Ernst eMan Ray. SONORIZZAZIONI Una delle novità più interessanti del «Cinema del Reale» 2007 sono le sonorizzazioni di alcuni documenti audiovisivi, come quelli tratti dall’archivio personale della famiglia Togni e dedicati in gran parte al Circo (giovedì, ore 21): i video, montati da Mattia Soranzo, saranno proposti con le musiche eseguite dal vivo da Antonio Castrignanò e Antongiulio Galeandro. Donatello Pisanello musicherà invece Liberi!, una raccolta d’immagini che Adriano Pallotta ha filmato al momento dell’apertura verso l’esterno dell’ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà (dove lavorava come infermiere) nel 1974, all’indomani della legge Basaglia. Alla musica e alle sue fughe nel reale è dedicato anche il video di Simone Cristicchi, Ti regalerò una rosa (venerdì, ore 21.20), e L’Orchestra di Piazza Vittorio (mercoledì, ore 23.30) di Agostino Ferrente. SGUARDI E VISIONI E’ la sezione che riguarda le mostre e le installazioni, visibili nei giorni della festa: si va dagli oggetti luminosi di Maurizio Buttazzo alle calcografie di Gianluca Costantini, all’installazione/dedica «Alberto Grifi: la sperimentazione al potere », che disegna un ritratto di quest’autore del cinema sperimentale italiano che fu anche produttore, fotografo e pittore.

Francesco Farina
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale