Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Puglia)
 
Notte della Taranta 2007 al via l’era di Mauro Pagani - 05/07/2007

Si rinnova la kermesse dell’estate salentina affidata all’ex braccio destro di De Andrè

Bari - Notte della Taranta, punto e a capo: dopo le esibizioni di Roma e Ravenna, che hanno «esportato» i suoni dell’Orchestra popolare diretta da Ambrogio Sparagna nell’auditorium «Parco della Musica» diRomae nel prestigioso Ravenna Festival, si volta pagina guardando alla prossima edizione della notte più popolare dell’estate salentina. In attesa di conoscere i dettagli della Notte della Taranta 2007 (che sarà presentata alla stampa domani mattina, presso il palazzo della presidenza della Regione, a Bari) non è difficile prevedere che si tratti di una svolta rispetto alla direzione che la manifestazione aveva intrapreso nelle ultime tre edizioni, caratterizzate dal ruolo di maestro concertatore dell’etnomusicologo laziale, allievo di Diego Carpitella, che cede ora il passo a Mauro Pagani. Da sempre, infatti, la Notte della Taranta si arricchisce degli apporti dei musicisti che la dirigono e le imprimono il carattere e le sonorità che la loro esperienza artistica innesta nella riproposta della musica popolare salentina. Se la direzione di Sparagna poteva essere considerata un ritorno alla tradizione, sia pure «filtrata» attraverso un’inedita orchestra popolare costituita ad hoc, senz’altro quella di Pagani riserverà delle sorprese che possono già essere rintracciate nella sua biografia. Mauro Pagani inizia il suo percorso artistico negli anni Settanta, in cui fonda insieme ad altri quattro musicisti milanesi i l gruppo Premiata Forneria Marconi (poi più nota con l’acronimo Pfm), di impostazione prevalentemente prog come il suo primo disco solista (del 1979) cui prendono parte anche gli Area. Ma è proprio con questa pubblicazione discografica, il cui titolo riprende semplicemente il nome del musicista lombardo, che inizia un percorso parallelo nella musica tradizionale e popolare che lo porta a collaborare con il Canzoniere del Lazio e Teresa De Sio, per poi evolvere nelle numerose e differenti esperienze che lo avvicinano ad alcuni jazzisti dell’area romana (Danilo Rea, Maurizio Gianmarco), a comporre musiche per il Teatro dell’Elfo e per il cinema (Sogno di una notte di mezza estate, con la regia di Gabriele Salvatores, come il film Puerto Escondido per cui scrive la colonna sonora), fino ad arrivare al sodalizio con Fabrizio De Andrè di cui sarà arrangiatore e produttore per dieci anni, e con cui scriverà Creuza de Ma e Le nuvole. Già nelle prime audizioni iniziate per la preparazione del concertone 2007 (in programma per sabato 25 agosto, a Melpignano), Pagani ha dimostrato di puntare su sonorità molto differenti rispetto a quelle care a Sparagna: non più organetti e fisarmoniche ma prevalentemente strumenti a corda, con chitarre e violini in primo piano. Altre novità, invece, riguardano la manifestazione itinerante che precede il concertone finale e che si snoda prevalentemente nei Comuni della Grecìa Salentina, a cui sono state aggiunte quest’anno le piazze di Otranto e Andrano.

Francesco Farina
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale