Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Campania)
 
I Procol Harum aprono l’Afrakà - 04/07/2007

La band inglese comincia il tour italiano da Afragola

Tocca ai Procol Harum aprire l’Afrakà Rock Festival. La band inglese, che ha ormai quarant’anni inizia, dalla Campania il piccolo tour italiano ed apre la storica rassegna che fino al 26 luglio sarà ospitata nella villa comunale di Afragola. Il concerto, che inizia alle 21.30 è gratuito ed è il primo di un bel cartellone che include tra gli altri anche gli Asia, il cubano Eliades Ochoa, il virtuoso T.M. Stevens, il Balletto di Bronzo, gli Osanna, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Enzo Gragnaniello. In totale dodici concerti che vanno dal rock, al blues passando per il progressive italiano e straniero ma toccando anche la tradizione partenopea ed il folk caraibico. Un programma trasversale che dovrebbe riuscire a coinvolgere molte delle tendenze della musica pop contemporanea. I Procol Harum, che sono già stati a Napoli al parco dei Quartieri Spagnoli, sono tra le formazioni che hanno fatto la storia del rock «progressive» anche se in realtà erano una forma più strutturata del rock’n’roll. Il fatto che il loro successo italiano sia legato fondamentalmente a tre brani memorabili, ha fatto dimenticare una loro notevole produzione di canzoni. Nel Regno Unito, la percezione del fenomeno Procol Harum è diversa e non è filtrata dalla rilettura che iDik Dik prima ed i Camaleonti dopo, hanno fatto di due canzoni oggettivamente perfette («A Whiter Shade of Pale» e «Homburg »). Della breccia nei cuori più «progressive » è responsabile «A Salty Dog» sigla di una trasmissione Rai. Il gruppo, che si era sciolto nel 1977, si riformò dopo la dolorosa morte del batterista ed era tra i preferiti di di Douglas Adams, autore della Guida Galattica per gli Autostoppisti. Tra le altre formazioni che si esibiranno ad Afrakà ci sono Jovine, Vito Ranucci, I Pennelli di Vermeer, Gecko's Tear, Senegal Ritmo, Demonilla e dai più giovani The Collettivo, Foja, Nativa, Saughelli&Zorama, Fuck 'n' Funk e Dioniso Folk Band.

B. C.
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale