Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Campania)
 
Sannio FilmFest nel segno di Monicelli - 29/06/2007

Il regista e la Cucinotta alla rassegna sul cinema in costume

Il regista Mario Monicelli, le attrici Maria Grazia Cucinotta e Paola Cortellesi, le costumiste Milena Canonero (vincitrice di due Oscar con «Barry Lyndon» e «Momenti di gloria»), Vera Marzot e Odette Nicoletti, il coreografo Gino Landi. Sono questi gli ospiti più importanti della XI edizione del Sannio FilmFest, l' unica rassegna cinematografica europea interamente dedicata alle produzioni «in costume», in programma a Sant'Agata de' Goti da stasera e fino all'8 luglio. Il festival diretto da Remigio Truocchio e presieduto da Giulia Mafai rende omaggio soprattutto ai costumisti e agli scenografi attraverso un filo conduttore costruito con proiezioni, mostre, seminari, premiazioni e stage. L’inaugurazione sarà alle 21, nella Sala Ostieri, con la proiezione di «Nuovomondo » di Emanuele Crialese con Charlotte Gainsbourg. Domani alle 18 nella Saletta Mustilli partirà invece la retrospettiva dedicata alla Canonero: «Arancia meccanica», il capolavoro di Stanley Kubrick del 1971, con Malcom McDowell. Alle 21, nella Sala Ostieri, toccherà a «The Queen» di Stephen Frears e alle 23, «Le avventure galanti del giovane Moliére» di Laurent Tirare con Romani Duris, Laura Morante e Fabrice Luchini. Domenica 1 Luglio alle 18.30, nella Saletta Mustilli è in programma «Baciami piccina» di Roberto Cimpanelli con Vincenzo Salemme, Elena Russo e Neri Marcorè. Alle 20.30, nella Sala Ostieri sarà proiettato «GoodBye Benevento» di Puccio Corona, regia di Elvira Grillion, con Alison C. Adam, Fabio Bussotti e Armando Pizzuti. Alle 22 seguirà, ancora per la Retrospettiva su Milena Canonero, «Marie Antoniette» di Sofia Coppola. Il 2 luglio, alle 18, nella Saletta Mustilli, ancora per l’omaggio alla Canonero, «La mia Africa » del 1985 di Sidney Pollack, con Meryl Streep, Robert Redford e Klaus Maria Brandauer. Alle 21.30 nella Sala Ostieri, «Black Book», regia di Paul Verhoeven. Il 3 luglio alle 17, nella Saletta Mustilli, «Barry Lyndon» di Kubrick, con Ryan O'Neal, e nella Sala Ostieri, «Le rose del deserto» di Mario Monicelli alle 21, e alle 23 il «Quijote» di Mimmo Paladino, con Peppe Servillo e Lucio Dalla. Il 4 luglio alle 18 nella Saletta Mustilli «Momenti di Gloria»del 1981 di Hugh Hudson, e alle 21.30, in Sala Ostieri, «L'ultimo inquisitore » di Milos Forman. Il 5 Luglio, alle 16.30 nella Saletta Mustilli, «Dick Tracy» del 1990 di e con Warren Beatty e alle 18.30 «La masseriadelle allodole» dei fratelli Taviani. Seguirà alle 21, nella Sala Ostieri, «Gli occhi di Cristo» di Luigi Barbieri e alle 21, «Mio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti. il 6 luglio alle 17 «Il Padrino: parte III» del 1990, di Francis Ford Coppola, e alle 21 «Nio e Napoleone » di Paolo Virzì. Il 7 luglio alle 18:30 «Il vento che accarezza l’erba» di Ken Loach e alle 21:30 «La vie en rose» di Oliver Dahan. Domenica 8 Luglio, infine alle 21.30, nella Sala Ostieri, «Le vite degli altri» di Florian Henckel Von Donnersmarck. Intanto è partita il corso di formazione in scenografia e costume, coordinato da Giulia Mafai e Paolo Petti, che accoglie 20 ragazzi provenienti da tutta Italia, selezionati ed ammessi. Le lezioni si svolgono nella cornice del Castello di Sant'Agata dei Goti.

Stefano de Stefano
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale