Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Campania)
 
Napoli, jazz d’estate - 13/06/2007

Dopo l’incoraggiante avvio della scorsa edizione, che registrò la presenza di ben 70.000 spettatori, suddivisi fra le varie manifestazioni, il Circuito Jazz Festival della Provincia di Napoli si ripropone alla ribalta della sempre fittissima (e a tratti caotica) estate concertistica italiana con un programma che riguarda otto festival («Summertime», infatti, è definitivamente fuori dal gruppo) per un totale di 37 giorni di durata, 13 palchi- location, 374 artisti italiani e 128 stranieri, 65 concerti, di cui 44 a ingresso gratuito, e oltre 35 manifestazioni collaterali. Sono i numeri di questo progetto coordinato da Onofrio Piccolo, l’ideatore del Pomigliano Jazz Festival, che punta decisamente sul target nazionale (vista la presentazione di ieri mattinma alla Casa del Jazz di Roma) e sostenuto dall’ assessore al Turismo della Provincia di Napoli, Giovanna Martano. Il circuito nato da un paio di anni per meglio sistemare il traffico impazzito di eventi presenti sul territorio campano fra giugno e settembre, è ora impegnato anche nella promozione, diffusione e produzione di musica jazz, grazie a un’intesa operativa e progettuale che ha coinvolto i responsabili delle principali rassegne di Napoli e provincia. «Più che ai grandi eventi - spiega Piccolo -, che pure non mancano, quest’anno punteremo sul rafforzamento della rete e sul suo standard organizzativo». L’itinerario si articolerà così ancora una volta in otto tappe, che si aprono e chiudono nel capoluogo (con il Marechiaro Jazz Festival e il Napoli Jazz Festival) passando per Pomigliano d’Arco (con il «Pomigliano Jazz Festival»), Vico Equense (con il «Vico Jazz Festival»), Sorrento (con «Sorrento Jazz e dintorni»), Ischia (con «Ischia Jazz Festival»), San Giorgio a Cremano (con il «Nick La Rocca European Jazz Festival») e Torre del Greco (con il «Divino Jazz Festival»). «Il progetto del Circuito del Jazz - ha spiegato Giovanna Martano -, con i suoi festival arrichisce l’offerta culturale del territorio, un importante contenitore di promozione e sviluppo, soprattutto per le aree e i siti meno noti della nostra provincia». Le fa eco l’assessore regionale Marco Di Lello: «Il Circuito del Jazz consente di valorizzare il territorio provinciale, nella convizione che musica e arte possono contribuire a potenziare l’industria turistica». Ai programmi dei festival è possibile accedere con la Jazz Card, con la quale si ottengono sconti sui concerti a pagamento, agevolazioni per i servizi turistici integrati e tutte le manifestazioni collaterali. Il costo d’ingresso ai concerti a pagamento va da 10 a 20 Euro.
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale