Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Puglia)
 
Le Orchestre pugliesi: «Altro che Cenerentole» - 10/06/2007

Le Ico di Bari e Lecce al contrattacco

Le orchestre pugliesi non ci stanno. E contrattaccano, respingendo in blocco le valutazioni negative della commissione Musica del ministero ai Beni e alle attività culturali riportate dal Giornale della Musica, e riprese una settimana fa dal Corriere del Mezzogiorno. Le Ico pugliesi contestano le pagelle della commissione, con le quali sono state collocate agli ultimi posti della graduatoria nazionale, davanti alla sola Orchestra siciliana. A guidare il terzetto pugliese, con il punteggio più alto (ma comunque insufficiente, stando al parere della Commissione) è l’Orchestra della Magna Grecia di Taranto (26), seguita dall’Orchestra della Fondazione «Tito Schipa » di Lecce (23) e dall’Orchestra sinfonica della Provincia di Bari (21). Le nostre Ico rivendicano, però, la qualità del loro operato. A far valere le proprie ragioni al momento sono le orchestre di Bari e Lecce, che con due note distinte inviate al Corriere del Mezzogiorno rifiutano dati e metodi di valutazione della commissione Musica del ministero. Marco Renzi, direttore artistico dell’Orchestra della Provincia di Bari, premette che i «punteggi vengono attribuiti basandosi sul solo materiale cartaceo» e che, proprio per questo, «la commissione è stata più volte invitata da tutte le Ico ad assistere ad almeno una produzione di ogni singola orchestra». Quella stessa commissione che ha definito il progetto artistico della Ico barese «non particolarmente interessante, nonostante la presenza di qualche solista e direttore degni di nota». Renzi risponde che «nonostante» su 2.600.000 euro di contributo annuale della Provincia solo 280mila euro vengano destinati ai cachet di direttori e solisti ospiti (2 milioni se ne vanno per gli stipendi degli orchestrali, 320mila euro per i costi degli allestimenti), il «progetto artistico» dell’Orchestra «si avvale comunque di direttori e solisti di eccellenza». Inoltre Renzi critica la commissione per non aver preso in considerazione il fatto che «la Ico di Bari - al contrario di tutte le altre Orchestre - ha in atto una convenzione con la Fondazione lirico-sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari non limitata alla stagione lirica, ma estesa anche ai concerti sinfonici che hanno annoverato direttori d’orchestra di prima grandezza in campo nazionale e internazionale, quali Daniel Oren, Gabriele Ferro, Piergiorgio Morandi, Renato Palumbo, Stefan Anton Reck, Kery-Lynn Wilson e Rudolph Barshai». Dal suo canto, l’Orchestra «Tito Schipa» non solo boccia la commissione, ma definisce lesiva della «credibilità» della Fondazione l’inchiesta del Giornale della Musica. Inchiesta nella quale all’orchestra salentina veniva contestato - riportando i giudizi della commissione stessa - di essere «ai limiti del regolamento» per mesi e numero di esecuzioni. Ria replica che la Ico leccese «assicura puntualmente qualità della programmazione, stabilità dei nuclei orchestrali, rispetto della media di 9 concerti al mese, successo negli abbonamenti, radicamento nel territorio regionale ». E lo fa riferendosi all’attività programmata per il 2007, anche se la «radiografia» delle Ico italiane - come scrive il Giornale della Musica - è stata effettuata dalla commissione nell’assegnazione dei fondi del Fus per il 2006. Inoltre Ria definisce «un madornale errore» l’addebitato deficit di bilancio: «I 600mila euro che vengono considerati deficit, infatti, non sono altro che l’importo della sovvenzione che la Fondazione ha richiesto al Ministero per gli anni 2006 e 2007». E reputa infondate «le presunte lievitazioni dei costi del direttore artistico », cui viene «riconosciuto un compenso quasi simbolico», cioè da quando (nel 2007) «sono state sdoppiate le funzioni di direttore artistico e di direttore musicale».

Francesco Mazzotta
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale