Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Campania)
 
Ravello Festival: c’è anche Yoko Ono - 05/06/2007

Grande spazio al jazz con Branford Marsalis, Bollani e Fresu

Il tema del Festival di Ravello, diretto da Mauro Meli e presentato ieri a Napoli, è dedicato alla «passione », che evoca allo stesso tempo significati come ira, rancore, vendetta; ma anche amore, ardore, fervore, slancio.E su questo argomento il gioiello della Costiera amalfitana ospiterà per settanta giorni non solo musica, ma come negli ultimi anni anche danza, cinema, mostre e conferenze, con concentrati dei suoi vari aspetti per ogni settimana, per favorire i gusti dei turisti, anche quelli a Ravello e dintorni solo per pochi giorni. Con una prevalenza di artiste donne. «In vista - ha precisato il governatore Antonio Bassolino - che la manifestazione non si fermi all’estate, ma duri 365 giorni all’anno, grazie all’Auditorium che sarà pronto per la fine del 2008.Un omaggio al festival (il secondo per anzianità dopo il Maggio fiorentino), che caso unico al Sud, è finanziato da soldi pubblici solo per il 38%, essendo coperta tutta la restante cifra da sponsor privati». «Un attrattore turistico di qualità - gli ha fatto eco l’assessore Marco Di Lello - che lancia la Costiera ben oltre i limiti della sola vocazione balneare». L’inaugurazione della rassegna è fissata per il 29 giugno, all’Auditorium di Villa Rufolo con il XXII Seminario d’Estate sul tema «La Passione organizzativa ». Nella stessa giornata sarà aperta la mostra a Villa Rufolo, sulla «Passione secondo ABO», ovvero cento giorni di arte a cura di Achille Bonito Oliva che ha definito il festival «tematico, transnazionale e multidisciplinare ». Con le foto di Carol Rama, e i lavori di Gómez, Searle, Albarracín, Aro, Goldin, Simons e Moffatt, Moro, Betty Bee e Yoko Ono. Ma la musica (di tutti i generi) resta la regina di Ravello. Orchestra del Regio di Parma, Mario Biondi, Filomena Musco ed Eugenio Fels, Antonello Cannavale e Francesco Caramiello, Sharon Isbin e Gaudencio Thiago de Mello, un tributo ai Beatles dei B For Bang, Karin Schmidt e Paolo Alderighi, Paolo Fresu Devil Quartet, Gian Maria Testa e Gabriele Mirabassi, Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni con Rita Marcotulli, Gianluigi Trovesi e Paolo Damiani, speciali su Nino Rota e Billie Holiday, Avion Travel, Roland Dyens, Giovanni Allevi, Stefano Bollani, Branford Marsalis, Nina Kotova, Ringe Ringe Raja, i Cameristi della Scala, Miami & the Groovers, Ex Voto Zurzolo Band, Antonio Florio e Oslo String Quartet, E ancora teatro con Amanda Sandrelli, Carlo Lucarelli, Ugo Pagliai, Chiara Muti, Giuseppe Cederna, Lina Wertmuller, Anna Bonaiuto e Andrea Renzi. Per la danza il clou sarà con le etoile Alessandra Ferri & Roberto Bolle e con l’ultimo spettacolo di Maurice Bejart. Infine cinema (con la rassegna «Bloomsburyana ») e letteratura con Fernanda Pivano, Sir Michael Holroyd, Julia Briggs e Nadia Fusini, Ottavio Cappellani, Eva Cantarella e Ariadne von Schirach.

Stefano de Stefano
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale