Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Cartellone (Campania)
 
Moscato, «Sogno» per Giruzziello - 26/04/2007

Al Teatro Nuovo lo spettacolo del drammaturgo

«Il sogno di Giruzziello», in scena da stasera e fno a domenica nella Sala Assoli del Teatro Nuovo è una sorta di inconsueta, frammentaria e personalissima elaborazione del lutto. Perché il «Sogno», citato nel titolo dello spettacolo di Enzo Moscato non va in scena terapeuticamente per rimuovere il dolore o per ricucire la ferita lasciata aperta dalla scomparsa del fratello e sodale, in tanti spettacolo messi su per il passato, del drammaturgo. Al contrario per il suo autore è un modo per mantenere sempre vivo il senso della vita, della gioia, dell’umorismo, che l’indimenticabile Giruzziello sapeva comunicare a tutti - pubblico e compagni di scena - per il tempo della sua vita, intenso per quanto breve. «Gita festosa, in memoria di un amico, al paese, misteriose» e «Chi t’ha ntise» (letteralmente: Chi t’ha sentito, metafora ovvia dello stesso Teatro), è l’ideale sottotitolo di questo lavoro, che, tra l’onirico, il tragico, il comico, il grottesco, situazioni sceniche e di scrittura, sospese nella celebre e consueta dimensione drammaturgica moscatiana, in cui si fondono realtà ed immaginazione, concretezza e simbolismo, ricorda a un anno dalla sua prematura scomparsa, la figura, umana e artistica di Gino, fratello e compagno di scena in tanti suoi spettacoli allestiti in passato. E anche in questo caso Moscato, espressione storica della nuova drammaturgia napoletana, assembla lingua ed espressioni, idiomi di ieri e di oggi, creando un linguaggio plastico e universale. Ne deriva un pastiche linguistico che si impernia sull’uso del linguaggio dialettale napoletano, che diventa base e denominatore comune per un gioco metalinguistico in cui si intrecciano con naturalezza termini inglesi, francesi e tedeschi. Moscato, come sempre nei suoi lavori, cura il testo, l’ideazione scenica e la regia. Al suo fianco un cast numeroso formato da Valentina Capone, Cristina Donadio, Gino Grossi, Carlo Guitto, Pasquale Migliore, Salvio Moscato, con la partecipazione di Francesco Moscato, Gianky Moscato, Peppe Moscato, Fortunato Mugnano e Giuseppe Affinito jr. Insomma la sua famiglia come Enzo la più volte definita. La scena ed i costumi sono a cura di Tata Barbalato, le luci di Cesare Accetta, la selezione musicale di Donamos.

Stefano de Stefano
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale