Campania
Puglia
Economia
 
Home
Storia
Iniziative
Rubriche
Contatti
 
Annunci legali
Meteo
Info traffico
Trova lavoro







   
 
 
 ARTICOLO - Prima pagina (Campania)
  Presi i tre superboss dei Quartieri spagnoli - 30/03/2007

Il killer vestito da juventino e altre follie quotidiane: la vita del clan in un verbale

Blitz della polizia nei vicoli dei Quartieri spagnoli. Quindici le persone fermate per reati che vanno dall’associazione camorristica alle estorsioni e all’omicidio; tra loro, i fratelli Luigi e Mario Di Biasi, che di recente avevano ottenuto gli arresti domiciliari. Molte persone si sono radunate in via Diaz, davanti alla Questura, per salutare i fermati. Uno di loro, Vincenzo Gallozzi, accusato di omicidio, prima di salire nell’auto che lo portava a Poggioreale ha alzato il pollice come a dire: «Tutto ok». La Procura ha emesso un decreto di fermo perché c’erano segnali di ripresa dello scontro e un indagato stava per fuggire in Tunisia. Duro il commento dei pm sulla concessione dei domiciliari ai boss: «La loro condizione era assimilabile alla libertà, continuavano a comandare da casa grazie a affiliati fedeli, omertà del quartiere e controlli scarsi ». Il decreto rivela tredici storie di ordinaria camorra, dal boss che «per compiere azioni violente indossa la tuta ufficiale della Juventus» al killer che non spara alla madrina «per rispetto» e a due ragazzi che in auto dicono: «Uno ne uccidi, trecento si moltiplicano».

Abate, Beneduce
 
OSSERVATORIO SULLA CAMORRA
Racket a Napoli: ''Troppa omertà nei quartieri borghesi''
CLICCA QUI
 
Osservatorio sulla camorra | Storia | Iniziative | Rubriche
Edizione Campania | Edizione Puglia |Corriere Economia
Servizio meteo | Info traffico | Trova lavoro
P. Iva 06890970632 editoriale del mezzogiorno srl Realizzato da D&D - Dinamica Digitale